Cold hands

“I love you.”

Blank space, writer’s block, street in the night. Silence.

Weightless words, slight as the air and ash floating in it. You get hit but do not get hurt. Nothing.

And this endless and unbearable silence, one of those that give you shivers.

Empty, naked words. Perfectly soaring in unconsciousness, and deaf ears that listen without paying attention. Like hands in the cold, you do not feel them.

I love you, as simple as this, because these three words aligned sound good – a short song jangling in your head. But if you do not use your heart to feel, what do you use it for?

________________________________________________

“Io ti amo.”

Spazio bianco, blocco dello scrittore, strada di notte. Silenzio.

Parole che non hanno peso, leggere come aria e cenere che vola. Incassi i colpi, ma non senti il dolore. Niente.

E questo interminabile ed insostenibile silenzio, di quelli che mettono i brividi. Silenzio.

Spaventa, l’assenza di emozioni. L’apatia. Come le mani d’inverno, non le senti, non le pesi.

Parole vuote, niente di più. Nude. Perfette nel loro librarsi nel vuoto di coscienza, e orecchie sorde che sentono, ma non stanno ad ascoltare. Non sanno pesare.

Io ti amo, così, perché ci tengo a dirlo, perché queste tre parole incolonnate suonano bene – una breve musica che ronza nella testa. Ma se poi non hai il cuore per sentire, che cosa ce l’hai a fare, un cuore?

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s